NEWS
Loading...

GIOTTO E L'INGRESSO SIMBOLICO DI GESÙ A GERUSALEMME


L'ingresso di Gesù a Gerusalemme è un evento descritto dai vangeli. "In occasione della sua ultima pasqua Gesù si recò nella città santa di Gerusalemme ove fu accolto come Messia dalla folla festante che lo acclamò gridando Osanna! Benedetto colui che viene nel nome del Signore e agitando rami d'ulivo e di palma".

Nell'affresco databile al 1303-1305 circa e facente parte del ciclo della Cappella degli Scrovegni a Padova, Giotto decise di evidenziare la figura di Cristo che avanza verso la Porta d'Oro.

La figura del Cristo dipinta da Giotto sovrasta tutte le altre
La sua figura sovrasta le altre. Il suo volto ripreso di profilo risulta regale, come nel caso delle "teste" delle monete. Lo sguardo è fermo: Gesù e consapevole del suo destino, che una volta varcata la porta, lo condurrà alla sua cattura, umiliazione e crocifissione.

La comparazione tra il profilo di Gesù e un aureo del periodo di Diocleziano
Secondo il tradizionale schema narrativo, Gesù avanza da sinistra (cavalcando un asino) verso le porte di Gerusalemme, seguito dagli Apostoli.

ADV




Dalla parte opposta gli si fa incontro una folla in cui sono resi al meglio gli atteggiamenti dei singoli personaggi: c'è chi si prostra, chi accorre a vedere, chi è sorpreso.

La contrapposizione tra i movimenti opposti di Gesù con gli Apostoli e della folla genera una notevole vividezza
Questo aspetto realistico è da sempre un punto di forza di Giotto e sebbene la stesura denoti l'intervento dei suoi allievi e aiutanti, la scena spicca come una delle più vivacemente naturali del ciclo, con una serie di episodi tratti dalla vita quotidiana tra cui spicca quello della persona che si copre la testa col mantello, forse nell'intento di togliersi il medesimo all'arrivo del Salvatore e che ha creato molto scalpore nel mondo dell'arte.

A tal proposito il noto storico d'arte Pietro Selvatico fa curiosamente notare: “capricciosa sconcezza colui che asconde il capo sotto il mantello d’uno prostrato dinanzi al Verbo umanato”.

La figura che si copre la testa col mantello
Bellissimi anche i due fanciulli che salgono sugli alberi con il duplice intento di staccare i rami d'ulivo per il Salvatore e di vedere meglio, da una posizione privilegiata.

Uno dei due fanciulli arrampicatosi su un ulivo
Il dettaglio è sicuramente derivato dalla tradizione bizantina, ma qui è reso con un'intensità realistica impareggiabile.

I filmati della Cappella degli Scrovegni e dei dipinti più belli della Domenica delle Palme su Ars Europa Channel. Buona visione!






0 commenti: